Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

Il comune

Uffici e Servizi

Citta'

Eventi


<< February 2018 >>
DLMMGVS
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728   


PIANO DI AZIONE COMUNALE

BDAP

SOCIAL DAY

Qualità dell'acqua

Efficientamento energetico

CAMBIO DI RESIDENZA IN TEMPO REALE

Registrazioni Consiglio Comunale

ACQUE

PONSACCO E' UN COMUNE RICICLONE

monitoraggio esposizione campi elettromagnetici

Mappa della città

PARTECIPA

IMU

VUOTO A RENDERE

L’amministrazione Comunale informa che è presente sul sito del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare la pagina web dedicata al  “vuoto a rendere” ai sensi del decreto 3 luglio 2017, n. 142, pubblicato in G.U. n. 224 il 25/9/2017, recante la sperimentazione di un sistema di restituzione di specifiche tipologie di imballaggi destinati all’uso alimentare, ai sensi dell’articolo 219 -bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.

Il citato articolo 219-bis dispone, infatti, “al fine di prevenire la produzione di rifiuti di imballaggio e di favorire il riutilizzo degli imballaggi usati […]”, l’introduzione nella normativa nazionale, di un sistema sperimentale di vuoto a rendere su cauzione degli imballaggi contenenti birra o acqua minerale, serviti al pubblico da alberghi e residenze di villeggiatura, ristoranti, bar e altri punti di consumo.

L’emanato D.M. 224/2017, disciplina le modalità di attuazione della sperimentazione del vuoto a rendere, i valori cauzionali per ogni singola tipologia di imballaggio riutilizzabile, nonché le forme di incentivazione e le loro modalità di applicazione.

Tale sistema sperimentale coinvolge, su base volontaria, sia quei soggetti che nell’esercizio della loro attività professionale somministrano al pubblico birra o acqua minerale nel punto di consumo (cd. Esercenti), che diversi operatori di settore quali i produttori di imballaggi riutilizzabili, i produttori di birra o acqua minerale, nonché i distributori di birra o acqua minerale.

Lo scopo primario del decreto è sensibilizzare i consumatori sulla prevenzione dei rifiuti attraverso la preferenza al consumo di birra e acqua minerale in bottiglie riutilizzabili. Durante la fase di sperimentazione i consumatori di birra e acqua minerale sensibili alla prevenzione dei rifiuti, potranno infatti riconoscere attraverso apposito logo gli esercenti che, aderendo al sistema del vuoto a rendere, sceglieranno di vendere nel proprio esercizio bevande in bottiglie che, essendo impiegate più volte, non diventano immediatamente rifiuto.

La sperimentazione ha una durata di dodici mesi a partire dal centoventesimo giorno successivo all'entrata in vigore del decreto (07/02/2018), periodo durante il quale il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare svolgerà un monitoraggio delle filiere (insieme degli operatori che a titolo professionale sono coinvolti nell’attuazione del sistema del vuoto a rendere) venutesi a creare, al fine di valutare la fattibilità tecnico-economica e ambientale del vuoto a rendere, e l’eventualità di estendere tale sistema ad altri tipi di prodotto e ad altre tipologie di consumo. Tale monitoraggio sarà effettuato attraverso la raccolta dei dati che i produttori e distributori sono tenuti a compilare secondo quanto stabilito all’articolo 6 del decreto ed ad inviare per via telematica al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare all’indirizzo vuotoarendere@minambiente.it

A sostegno della diffusione del sistema del vuoto a rendere, il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare può concedere il patrocinio e l’utilizzo del logo del Ministero agli operatori che ne fanno richiesta e che realizzano una campagna di comunicazione o altra forma di comunicazione. Inoltre, il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare pubblicheranno sul sito web istituzionale un registro degli operatori aderenti alla sperimentazione i quali potranno inoltre scaricare da apposito link un attestato di benemerenza da affiggere nei punti di consumo.

Sulla base dei dati raccolti il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare effettuerà il monitoraggio della fase di sperimentazione che consentirà, al termine della stessa, di valutare se confermare e se estendere il sistema del vuoto a rendere ad altri tipi di prodotto nonché ad altre tipologie di consumo.

Per  le modalità operative è possibile consultare il seguente link: http://www.minambiente.it/pagina/vuoto-rendere


Tags: -