Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

Il comune

Uffici e Servizi

Citta'

Eventi


<< August 2017 >>
DLMMGVS
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  


SOCIAL DAY

On line il sito del progetto PartecipARNO

CAMBIO DI RESIDENZA IN TEMPO REALE

Registrazioni Consiglio Comunale

PONSACCO E' UN COMUNE RICICLONE

FATTURA PA

monitoraggio esposizione campi elettromagnetici

Mappa della città

PARTECIPA

IMU

Materiali e oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti (MOCA) - Adempimenti

27-07-2017   

Si AVVISA che ai sensi del l D.Lgs 10 febbraio 2017 n.29, gli operatori economici del settore dei materiali ed oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti, devono comunicare all’Autorità sanitaria territorialmente competente gli stabilimenti che eseguono una o più delle seguenti attività:

§         produzione (anche conto terzi),

§         trasformazione,

§         assemblaggio,

§         deposito all’ingrosso,

§         distribuzione all’ingrosso,

§         stampatori

§         altro

Sono esclusi da tale obbligo solamente gli operatori che svolgono attività di distribuzione al consumatore finale.

Si ricorda altresì che anche gli operatori del settore alimentare registrati e/o riconosciuti ai sensi dei Reg. CE 852/2004 e 853/2004, sono tenuti ad inviare tale comunicazione, qualora esercitino una delle attività di cui sopra. In questi casi nella comunicazione dovrà essere riportata la segnalazione della notifica di cui all’art. 6 del Reg. CE 852/2004 e/o atto di riconoscimento CE.

Tale comunicazione deve essere inoltrata on line attraverso gli Sportelli Unici per le Attività Produttive (SUAP) compilando l’endoprocedimento ASL 86.

I termini per adempiere le disposizioni del D.L.gs in oggetto scadono il 31 luglio p.v. Gli operatori che non adempiono a tale obbligo sono soggetti alla sanzione amministrativa di una somma da euro 1500 a euro 9.000.

Tags: -